CONTRIBUTO VOLONTARIO

Ciao, caro lettore, se leggendo reputi che gli argomenti che tratto sono utili ed interessanti e vuoi aiutarmi a continuare a far vivere LETTORENONPERCASO, qui sotto trovi un link dove puoi partecipare con un tua libera donazione.
Decidi tu l'ammontare, e qualsiasi esso sia ti sono riconoscente per l'aiuto ed il riconoscimento che mi mostri.

THE TRIP EBOOK DONAZIONE

CIAO AL SEGUENTE LINK TROVI IL MIO EBOOK GRATISSE TI È PIACIUTO E VUOI FARE UNA DONAZIONE TE NE SONO GRATA

A BREVE PUBBLICHERÒ IL SECONDO VOLUME
BUONA LETTURA E GRAZIE



CURARE CURARSI ERBE DI CAMPO IN CUCINA E.....










Il crespino, crispignolo o crispigno, è una pianta gustosissima e facile da trovare, perché molto diffusa nei terreni poveri e anche in quelli sassosi, purché la terra sia stata smossa. Raccolte all'inizio di primavera, le foglie si mangiano crude, deliziose nelle prime insalate. Più avanti, quando le foglie sono più dure, saranno buonissime cotte insieme ad altre erbe.


Il nome botanico è Sonchus oleraceus. “Simile a verdura da orto”, questo significa l'aggettivo oleraceus, attribuita a una delle erbe più facili da riconoscere.

Una volta lavata può essere cotta con un po' di pomodoro una testa di aglio sale e pepe q.b. per condire un piattino di spaghetti.
Per chi non è vegetariano o vegano può anche essere unito alle acciughe spezzettate.




IL TÉ DI VIOLETTA


Per gli antichi Greci le viole erano l'emblema della probità e della misura.
Tra le tante virtù, la più conosciuta è l'effetto calmante di questo fiore. Per sedare la tosse, ad esempio, è ottimo il tè di violetta. Si prepara lasciando in infusione per mezz'ora in 1 dl di acqua bollente, 15 g di fiori freschi o secchi. Filtrate e addolcite con del miele.




FRUTTA SECCA AL CIOCCOLATO


Mettiamo a bagno per 1 ora e in 1 dl di acqua e 1 dl di cognac, 10 albicocche secche. Trituriamo e mescoliamo 50 g di nocciole, 3 savoiardi e 30 g di burro. Sgoccioliamo bene le albicocche e farciamole con l'impasto poi mettiamole in frigorifero per 1 ora. Sciogliamo 100 g di cioccolato fondente a bagnomaria, inserendo il pentolino in un altro con acqua, a fuoco basso. Quando comincia a freddarsi, facciamone 10 mucchietti su un vassoio con carta da forno, adagiate su ognuno 1 albicocca e ultimiamo spolverando di cioccolato fatto colare da una forchetta. Mangiamole fredde.



LE PROPRIETÀ DELL'EQUISETO PER LA STANCHEZZA PRIMAVERILE

Si chiama sindrome da “stanchezza primaverile” e deriva dalla necessità del fisico di adattarsi agli sbalzi climatici del cambio di stagione. Nulla di strano! Per evitare i sintomi più fastidiosi, quali malattie virali con ricadute, insonnia e allergie, è utile dare una mano al sistema immunitario. L'Equiseto o coda cavallina, in questo caso, è utile perché ricchissima di silicio, sale minerale che tonifica le difese. Inoltre è anche diuretica, rinforzante dei capelli e delle ossa. Si prende in capsule.


Condividi OkNotizie

POST RECENTI

Article To PDF

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

4 MARZO 2018 IO NON VOTO NON SIGNIFICA ASTENSIONE

VACCINI E AGENDA SGHA

I MIEI LIBRI IN VENDITA