IL MONDO CHE VERRÀ LO SCOPO DEL CAMMINO SPIRITUALE





Dopo 2000 anni di religioni: cristiana, musulmana, ebraica, induista, buddista e le varie sotto religioni o gruppi di credo che nel tempo si sono formati, forse, sarebbe giunto il momento di comprendere la verità e lasciar andare ciò che da molti viene considerato la più grande manipolazione mentale umana.

Ciò che converrebbe fare è analizzare la simbologia, innanzitutto, così si scoprirebbe che i simboli delle varie "Fedi" sono tutti uguali e si trovano in ogni credo spirituale di ogni tempo. Se ci si ferma e si inizia a ragionare con il cuore allora si comprende che ogni forma di religione è asservimento dell'essere umano ad un potere materiale. Le religioni non servono all'anima servono ai potenti per mantenere uno stato di schiavitù, sottomissione e catatonicità. Per la meccanica celeste questo è importate, lo spiegherò in seguito.

A lungo è stato tenuto un comportamento oscurantista da parte dei vertici del Vaticano (parlo della mia religione, quella che mi è stata insegnata e che ha delineato l'educazione culturale e dei costumi della zona geografica in cui vivo). Nell'arco del tempo ha usato anche la forza, avvalendosi del potere per sottomettere l'uomo e renderlo schiavo mentre la ricchezza veniva inglobata nei suoi forzieri. Questo accade in tutto il mondo in quanto dopo lunghe ricerche e varie letture si può scoprire che in realtà tutto è collegato ad un unico punto che è ubicato in un piccolo fazzoletto di Terra sito nella nazione che mi ha dato i Natali. In rete, soprattutto in You Tube, non è difficile trovare video dove vengono elencate, ad esempio, le somme di denaro che ogni anno acquisisce la Chiesa solo qui in Italia. È la più grande potenza mondiale e non a caso ogni politico del mondo prima o poi si presenta al cospetto del capo del soglio pontificio. 

Quando si frequenta il catechismo o le lezioni di religione oppure la messa e si ascolta il parroco nel suo commento alle letture, i ragionamenti che più vengono espressi riguardano i comportamenti sbagliati del "gregge" che sono sempre egoisti e peccaminosi. In tanti anni di frequenza delle messe, dovuto anche al fatto che la mia carriera scolastica si è dipanata nelle scuole private degli ordini delle Orsoline di San Carlo e del Sacro Cuore, non ho mai sentito proferire altri concetti se non che l'essere umano è in peccato, è in errore è negativo. A volte mi sono anche chiesta come poteva un piccolo neonato già nascere con il peccato. 

Veniamo, comunque, al dunque:
se vogliamo intraprendere e proseguire la strada della consapevolezza ad un certo punto dobbiamo accettare il fatto che siamo stati dei grandi allocchi, abbiamo lasciato che ci governassero e ci manipolassero come hanno meglio creduto ma il tempo è giunto, anzi in realtà chi si approccia solo ora sarebbe un po' in ritardo ma questo comunque non è importante, per comprendere e lavorare.

In questi giorni è uscito il libro di Biglino "La Bibbia non parla di Dio"però è vero che è l'unico scritto al mondo che segue la legge universale del sette. Perciò chi in realtà sta agendo su questo pianeta, in questa dimensione?

Inoltre mi sono posta anche un altro quesito perché proprio ora sta venendo a galla così tanta informazione? È solo per la rete? Il web, ricordo, è opera sempre di coloro che gestiscono le sorti dell'umanità, quindi perché hanno deciso di liberare il sapere ora?

Chi si pone la questione del perché della vita, di cosa accade con la morte, chi siamo e quale motivo si cela nell'esperienza del vivere, di sicuro, si è ritrovato catapultato dentro a questo percorso di consapevolezza, che generalmente chiamo tour. 

Inizialmente si scoprono tante notizie mantenute segrete, e così si viene a sapere che la storia non è quella che è stata insegnata a scuola, persino all'università. Non parliamo poi nel campo della sfera personale, salute, psiche e sociale.

In ogni ambito troviamo menzogne, manomissioni, omissioni di verità importanti che potevano, se rivelate sin da subito, far sviluppare l'esperienza terrena in un altro modo. Perciò immancabilmente ci si chiede il perché di questo atteggiamento, lo scopo di questo agire.

Ovviamente ci si domanda, anche, chi siano questi potenti e per chi lavorino, perché troppa manipolazione e menzogna è racchiusa nella cultura!

Così la ricerca finisce anche con il toccare la questione degli alieni.

All'inizio ricordo che mio marito mi diceva che se veramente volevo approfondire avrei dovuto scegliere un argomento e specializzarmi in quello. Sentivo, però, che se non avessi approfondito a 360º avrei perso qualcosa.

Infine a me è sorta anche la domanda perché tutta questa ricerca, perché i giostrai liberano l'informazione a step, dove vogliono condurci?

Lo scopo finale finalmente mi si é rivelato ed ora poiché trovo giusto condividere la mia comprensione con chi è disposto ad ascoltare e vagliare, eccomi qui a scrivere.

Non so se sarò brava a spiegarmi chiaramente però voglio provare e spero di esserne all'altezza.

Per poter destreggiarmi in questa immensa ricerca sto leggendo tanti libri, sto frequentando un corso di gnosi. Le letture toccano vari argomenti: astronomia, filosofia, fisica, religione, psicologia, storia, economia, diritto...

In un famoso film "Guerre stellari" un maestro Jedi, Yoda,  diceva al suo allievo, Luke Skywalker , che il cammino verso la forza è lungo, difficile e a volte oscuro. Devo dire che è vero; molto facilmente si rischia di perdere il sentiero, si corre il pericolo di abbracciare una falsa verità e di perdersi. Tutto è una conquista e solo se veramente si è desiderosi di raggiungere l'unica Verità oggettiva, se si ha l'anelito, e si prosegue con calma e concentrazione, la strada verso il ricongiungimento alla nostra vera essenza e al motivo di tutto diviene possibile.

Iniziamo, dunque!

Tutti siamo particelle di un unico punto, di una forza generatrice che è costituita di chiaro e scuro, perciò, ognuno di noi è l'altro in quanto è una parte dell'infinito creatore. Ognuno porta dentro se l'insieme che caratterizza il creatore perciò siamo tutti un po' dei Dottor Jeckyll e dei Mister Hide, nessuno è totalmente buono o totalmente cattivo siamo l'insieme di queste due forze. C'è chi ha più una parte e chi più l'altra. Inizialmente è difficile accettare che nella forza generatrice esista luce e tenebre, bene e male, perché la cultura ci ha instillato il ragionamento che Dio è solo bontà ed amore quindi l'oscurità viene vissuta come male. In realtà non è così. Senza di essa la meccanica celeste non esisterebbe, solo dal caos si crea. Se guardiamo l'Universo possiamo vedere che dallo scontro delle galassie nasce nuova vita, nuova energia, perciò, serve abbandonare i concetti terreni di bene e male, di giusto e sbagliato, se si anela a proseguire il cammino della consapevolezza. In realtà il Generatore primo è tutto, tanto bianco con quella punta di nero che fa si che il bianco sia più smagliante e brillante.

Il male è necessario, è fondamentale per il movimento, il male non è male è solo un'altra tonalità di luce. Non può esistere solo il bene perché se no ad un certo punto tutto si allineerebbe su una sola lunghezza d'onda, su un'unica vibrazione e quindi si fermerebbe il movimento eterno che crea. I buchi neri dello spazio possiamo considerarli alla stessa stregua del male, del lato oscuro della forza, della diversità di tonalità che agisce qui sulla Terra; ma se noi ci calassimo in questi profondi vortici oscuri scopriremmo che sfociano in nuova luce. Così è il male terreno. Più l'umanità si allontana dal vertice positivo del Toroide, dalle Età dell'Oro e dell'Argento, dell'abbondanza, dell'unità e dell'armonia, dell'amore e del bene, più si cala nelle Età del Rame e del Ferro, il Kali Yuga, dove regna il caos, il disordine, il male, l'odio, la sofferenza, l'egoismo. Tutto questo è congeniale è utile ed imprescindibile per il movimento celeste, infatti, la risalita conduce ad un nuovo livello di maggior comprensione e consapevolezza.

Proviamo a paragonare la meta dell'evoluzione di coscienza ad un rifugio posto su una cima. Cosa accade?
Quando andiamo in montagna abbiamo come meta un bellissimo rifugio sito in cima della montagna., noi siamo ai suoi piedi e siamo allettati da svariati motivi per recarci. Cosa facciamo? C'è chi analizza la situazione prepara un piano e poi si incammina pian piano per raggiungere la destinazione; c'è chi dopo aver osservato bene decide di desistere perché anche se il rifugio è affascinante la fatica che richiede  è troppa. Un altro, invece, intraprende il cammino senza pensare a nulla ma poi stanco rinuncia e un altro ancora abbandona prima di iniziare. Infine esiste anche colui che a metà strada si ferma per riprendere le forze e poi arriva al compimento e, raro, c'è anche colui che con determinazione raggiunge la meta. Siamo tutti differenti e tutti avremmo una identica meta quanti la raggiungeranno in questa vita non si sa ma prima o poi tutti riusciremo.  Perciò, ogni avvenimento serve, ogni essere che si è affacciato su questa Terra, anche il più malvagio, il più egoista è importante per l'economia celeste. Tutti hanno il loro scopo tutti sono importanti in egual misura solo che ciascuno deve seguire la sua strada senza preoccuparsi del "fare" altrui ma comprendendo e capendo quale sia il suo "fare."

Se l'umanità avesse sempre vissuto nel "Paradiso Terrestre" non avrebbe potuto evolversi, la maggioranza sarebbe rimasta ai nastri di partenza.

Per capire quale doveva essere il suo cammino ha dovuto per forza intraprendere questo percorso, questa strada tortuosa, difficile e faticosa perché solo così comprende quanto sia necessaria la parte amorosa, il bene, la fratellanza  ma capisce anche che quella punta di nero è tanto utile che se non esistesse sarebbe da inventare perché se no nulla funzionerebbe. Così si mette al lavoro per ritrovare ciò che ha perso e scopre che è  giusto e doveroso amare sia chi opera nel bene sia colui che agisce nel male in egual misura e senza alcun riserbo.

Serviranno tante esperienze di vita per giungere a comprendere tutto ciò e ognuno avrà il suo tempo.

Così mentre la parte di creatore che si esprime attraverso noi in una determinata esperienza fisica esperimenta ciò che ha creato, noi scopriamo e comprendiamo chi siamo in realtà, perché siamo nel circolo del Samsara e come possiamo uscirne. Lo scopo di tutto ciò sta nel fatto che quando raggiungeremo la totalità della comprensione diventeremo creatori di universi.

All'inizio pensavo che era necessario cambiare la vita sulla Terra, in realtà questo non è possibile anzi non si deve nemmeno anelare e cercare di fare. La Terra, e ogni Pianeta che si esprime in questa vibrazione, terza dimensione, (in questo caso per i terrestri ma questo discorso vale per ogni energia cosmica che vibra a questa lunghezza d'onda), è caratterizzata da questa realtà. A mio modestissimo modo di pensare è un meccanismo perfetto: qui c'è chi lavora in un senso e chi in quello diametralmente opposto, sta a ognuno di noi capire a quale lunghezza d'onda apparteniamo e perciò lavorare per esprimerla. In questo punto viene in aiuto il famoso libro di Ra sulla legge dell'Uno:

"ognuno per poter lasciare questa ruota e proseguire in quelle successive, deve o lavorare per il Sé interiore, al 93%, oppure per il servizio agli altri, al 51%. Solo così raggiungerà il "diploma", abbandonerà la terza dimensione ed entrerà chi nella quarta, molto simile alla terza dove vige ancora la legge di causa ed effetto, la dualità;  chi nella quinta e così via. "

Il lato oscuro della forza deve esistere fino ad un certo punto nella meccanica celeste poi dovrà essere superato e chi desidererà accedere nei reami superiori dovrà per forza, abbracciare solo la luce bianca, il bene e l'amore, il lato luminoso della forza. Non tutti sono inclini a scegliere tale compimento, e per fortuna perché se accadesse, l'Universo terminerebbe e il gioco della vita non esisterebbe più.

Perciò:
primo scopo del cammino spirituale è capire chi siamo noi: siamo portati verso il lato oscuro, serviamo il generatore sotto questo aspetto, oppure, siamo propensi verso l'altra parte?

Nessuno è sbagliato, non esiste il bene e il male, tutti stiamo agendo in funzione della creazione, colui che agisce nel male agisce secondo natura universale; colui che opera nella negatività ama il Motore Primo nella stessa quantità e nello stesso modo di colui che opera nel bene. Entrambi sono luce, entrambi sono generatore, ecco perché è giusto amare tutti perché ognuno ha il compito stabilito e nessuno ha la possibilità di poter dire chi è giusto e chi non lo è. Come spesso ho sentito dire "tutti siamo figli di Dio", non quello che ci hanno insegnato a seguire, anche se in parte Lui è nostro padre, perché ci ha instillato il soffio vitale, l'etere; è anche nostro fratello perché proviene sempre dallo stesso Generatore Primo. Per questo diventa di estrema importanza amare tutti!

Secondo scopo è capire chi sono le forze che stanno agendo in questa dimensione.

Qui sono molto di aiuto i testi di Sitchin, leggere informzioni sugli Annunaki. Chi sono costoro?
Loro sono i nostri padri, Dio , Yahweh, Allah.
L'uomo di questa razza, l'aria, è presente sulla Terra da tanto tempo ma questa parte la racconto la prossima volta.

Per ora chiudo dicendo solo che questo è il momento di lavorare per capire chi siamo e quindi realizzare la nostra essenza.


POST RECENTI

Article To PDF

Post popolari in questo blog

SIONISMO CON BIG PHARMA L'INDUSTRIA DELLA MORTE LEGALIZZATA ATTRAVERSO I VACCINI?

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

ITALIA APPELLO EMERGENZA NEVE: MAL TEMPO NEVE E IGNAVIA GOVERNATIVA

I MIEI LIBRI IN VENDITA