Passa ai contenuti principali

GLI 007 ITALIANI COME SONO CAMBIATI OGGI GRAZIE AL TERRORISMO, NWO



Sono cresciuta sentendo parlare al telegiornale del SISDI e del SISMI. Costoro sono militari speciali che godono di trattamenti altrettanto speciali e spesso sono rimasti coinvolti in faccende molto poco pulite e lusinghiere. Ad esempio sembra che la vicenda della giornalista Ilaria Alpi e del cine operatore Hrovatin abbia molto in comune con questi 007.
Ma non ci si ferma qui, Sismi e Sisde appaiono dietro ad altre stragi , Borsellino, Falcone, Ustica, Mandolini lo scandalo dei fondi neri. Insomma le mani in pasta nelle più grandi porcheria della storia italiana questi due corpi le hanno sempre avute a quanto sembra. Che poi si sia mai arrivati alla verità diventa una differente questione. Non potrà mai accadere che il velo su questi avvenimenti caschi di colpo. Dovrebbe come minimo cambiare l'intera struttura governativa e di pensiero. La politica è sporca e tutto quello che gira insieme ad essa non è affatto un affare pulito.

Ma non voglio indagare su queste faccende voglio solo mettere al corrente i lettori su un altro aspetto:




  1. CIRO SASSO   (fonte) Penalista, Criminologo, Investigatore difensivo (Legge n. 397 del 07.12.2000), nonchè Socio ordinario della I.C.A.A. (International Crime Analysis Association), attualmente l’avv. Ciro Sasso è iscritto al Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Napoli ed è tra i pochissimi professionisti in grado di offrire ai propri assistiti, grazie ad una fitta rete di cooperazioni e domiciliazioni, assistenza legale di qualsiasi tipo su territorio nazionale ed internazionale, con illimitata disponibilità di spostamento anche per lunghi periodi di tempo.


A seguito della minaccia jihadista il governo italiano sta vagliando un decreto antiterrorismo che dovrebbe essere incentrato su diversi punti; oltre al provvedimento relativo ai cosiddetti foreign fighters, che sono letteralmente combattenti stranieri, ovvero cittadini europei e comunque di paesi occidentali che si recano all’estero per combattere nelle fila di milizie ritenute terroristiche, il decreto dovrebbe prevedere anche misure in materia di intelligence italiana e ‘regole di ingaggio’ per i nostri 007.

Per fare ciò andrebbe modificata, o comunque parzialmente rivista, la attuale legge dell’intelligence; si tratta della legge n.124 del 2007.


SISMI e SISDE: Servizi militari e civili


La legge in questione, la n.124 del 2007, è denominata legge di riforma dell’intelligence italiana; la normativa venne varata dall’allora Governo Prodi (il secondo) con un ampio consenso parlamentare e andò a riformare in modo sostanziale iServizi Segreti italiani. La revisione precedente del settore era avvenuta trent’anni prima, nel 1977.

Entrando nello specifico di quella normativa si andò a modificare il funzionamento dei Servizi, alla luce dell’evidente mutato contesto storico e politico internazionale, che era ancora basato sul modello della legge del 1977 nata in piena Guerra Fredda; ovvero, due servizi distinti e dipendenti da altrettanti ministeri (Difesa e Interni) sui quali il Governo e il Parlamento avevano un controllo limitato.

Si parla naturalmente del Servizio Segreto di informazione interamente militare (SISMI) focalizzato sulle questioni internazionali e del Servizio Segreto di informazione civile (SISDE) impegnato maggiormente al contrasto di terrorismo ed eversione.


I nuovi Servizi: AISE e AISI

Con la legge del 2007 si andò a creare un dipartimento per la sicurezza posto presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri e si andò a sostituire i due precedenti servizi con altrettante agenzie nuove: l’Agenzia informazioni e sicurezza esterna (AISE) e l’Agenzia informazioni e sicurezza interna (AISI).

Si andava quindi a creare una differenziazione su base territoriale andando oltre alla precedente distinzione tra competenza militare e civile. Nacque anche il Copasir, il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica che andò a sostituire il precedente Copaco (Comitato Parlamentare di Controllo sui Servizi Segreti).

Il Copasir venne istituito come organo bicamerale, ovvero formato da 5 senatori e altrettanti deputati tutti scelti in modo da garantire una parità della rappresentanza di maggioranza e opposizione. Il presidente è, per legge, un esponente dell’opposizione.

La riforma del 2007 ha conferito al Copasir una serie di poteri soprattutto in materia di controllo; si tratta di funzioni piuttosto rilevanti, a differenza dell'organo precedentemente esistente, il Copaco.


Garanzie per gli agenti e possibilità di compiere reati


Con la riforma dell’intelligence avvenuta nel 2007 si andarono a definire tutta una serie di garanzie funzionali per gli agenti; una sorta di regole di ingaggio che vanno a prevedere la possibilità di compiere una serie di reati senza il rischio di essere puniti se questi atti sono indispensabili alle finalità dei Servizi. Condotte illecite che devono essere autorizzate o dal presidente del Consiglio o dall’Autorità delegata alla materia.

Tra i reati che un agente segreto può, ad oggi, compiere, vi sono tutti quegli atti che “mettono in pericolo la vita, l’integrità fisica, la personalità individuale, la libertà personale, la libertà morale, la salute, l’incolumità di una o più persone”.

La non punibilità per reati commessi per raggiungere obiettivi inerenti le missioni affidatagli non riguardano casi di “delitti diretti a mettere in pericolo o a ledere la vita, l’integrità fisica, la personalità individuale, la libertà personale, la libertà morale, la salute o l’incolumità di una o più persone”.

Allo stesso modo la condotta riservata agli agenti segreti che prevede la non punibilità dei reati per taluni casi non può essere messa in atto nelle sedi di partiti politici, nelle sedi di organizzazioni sindacali o nei confronti di giornalisti professionisti iscritti all’albo.

In sostanza tutta una serie di paletti che adesso, sull’onda emotiva degli attentati da parte di terroristi islamici, si sta tentando di eliminare per fornire ulteriori armi in dotazione agli agenti segreti italiani.

NOVITÀ FUTURE

Con le nuove misure antiterrorismo dovrebbero entrare in vigore misure che daranno più poteri e garanzie agli 007 italiani; si parla di coperture e non punibilità per reati che si rendano necessari per finalità istituzionali quali:

associazione sovversiva;

banda armata;

arruolamento con finalità di terrorismo internazionale;

apologia del terrorismo e istigazione a commettere reati contro lo Stato.

L’agente segreto potrà inoltre mantenere la sua identità segreta anche in caso di procedimento giudiziario a suo carico. Casi di reati per i quali gli 007 e agenti segreti italiani non potranno essere perseguiti, sempre se commessi per finalità istituzionali, e che andranno a sommarsi a quelli per i quali già era prevista la non punibilità.




Ed ecco che lo spettro orwelliano di un controllo e di controllori che possono agire al di là della legge si sta palesando sempre più. Tutto questo rientra solo ed esclusivamente non per la sicurezza e l'incolumità delle persone ma dello STATO DITTATORIALE  che si sta palesando sempre più. Continuo a pensare che il NWO non deve arrivare è già qui perché di queste misure pochi giornali di sistema o programmi radiotelevisivi ne hanno parlato. Perciò gli 007 affiancheranno la polizia di Stato che si chiama EUROGENDORF.

Quando, poi, metteranno il microchipp ai civili tutto sarà sotto il controllo del grande fratello e per l'essere umano il futuro diverrà assai cupo.

La libertà conoscerà il periodo più oscuro e diverrà dapprima un ricordo e poi nemmeno più pensata sarà una vera e propria utopia.

VOGLIAMO ARRIVARE A QUESTO? Perché non svegliarci fino a che non siamo in tempo?



Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera?
Analizziamo la tessera:



Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis. Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxima, minor e mi…

4 MARZO 2018 IO NON VOTO NON SIGNIFICA ASTENSIONE

Astensione non è assenteismo e rifiuto al voto non è astensione politica.


Consiglio di leggere questo articolo: Significato dell'astensione, scoprirete che astensione in realtà aveva una differente accezione ma poi qualcuno ne ha dato un'altra e così è stato cancellato il diritto di protesta, ossia di astensione.
Cos'è l'astensione? Astenersi significa volontà di non partecipare ad una scelta, esprime la volontà  di far astensione, di non partecipare, che non è sinonimo di assenteismo.  Assenteismo significa il giorno della votazione anziché prendere ed andare al seggio sono a fare gli affari miei.
L'assenteista è colui che non è interessato e quindi non si pronuncia su nulla. Non pronunciandosi comunque non nega e quindi può essere considerato il suo assenteismo come silenzio assenso che diviene tacito consenso.

Per poter continuare a gestire il potere, il GOVERNO OMBRA (spiegato molto bene nel PDF che ho consigliato di leggere e che si trova nell'archivio dei b…

VOTAZIONI 4 MARZO 2018 - LA DISSONANZA ESPRESSA NELLA CARTELLA ELETTORALE

Se sono schiavo come posso godere del diritto al voto? C'è qualcosa che non torna in tutto questo.

Chi è la persona umana?

Alla nascita la mamma biologica in accordo con il papà biologico scelgono un nome al loro bambino. In esso  si manifesta l'energia che nell'arco della sua vita interagirà con le altre  racchiuse nel corpo umano.
L'inganno della marionetta ed ecco perché la vera soluzione è mandare al mittente la carta del finto diritto al voto:
Nel tempo ad un certo punto qualcuno, molto poco rispettoso del vero cerchio dell'esperienza materiale, ha creato un grandioso inganno ossia:
1) ha inventato delle false persone attraverso l'uso della scrittura e della carta ideando i "documenti", 2) queste figure hanno preso il nome dato dai genitori, appropriandosene indebitamente, 3) hanno posto un copyright illegittimo perché quel nome venne scelto ancora prima dai genitori biologici, 4)fraudolentemente hanno agganciato ad un "bond", depositat…