Passa ai contenuti principali

SALTO INDIETRO NEL TEMPO MEDIANTE INGEGNERIA GENETICA- VACCINI E TRANSUMANESIMO

Qualche anno fa nel mio blog parlando di vaccini spiegai la trascrittasi inversa che oggi uomini che si credono superiori solo perché hanno carpito maggiormente, stanno usando e impongono con il falso concetto dell'immunità di gregge.

Se volete approfondire:
oppure il video:
Innanzitutto quando si legge "immunità di gregge" dovremmo inorridire perché è plateale il fatto che questi individui considerano gli uomini che non appartengono al loro circolo animali e questo è discriminatorio ed errato e quindi dovrebbero già essere fermati. Ma poiché lavorano per famiglie che operano attraverso il Vaticano e quindi assai potenti vengono invece innalzate agli onori e alle glorie. Con la montatura di questa pan (il dio pan a cui loro sono legati e che altri non ' che Ra Puterro Moloc Cibele la Grande Madre ...)demia (da demos popolo comune e per estensione anche bestie) vogliono arrivare ad iniettare in ogni uomo il retrovirus, ossia un programma d'ingegneria molecolare che si inserisce nel DNA originale e rimane li per tutta la vita con effetto iatrogeno sulle generazioni a venire. Tutti i vaccini hanno questo scopo ed è per questo ad esempio che nascono bambini con il tumore non perché esiste l'inquinamento o altro , e quelli che appartengono al gruppo elittario non si vaccinano così come i membri delle sette Amish ad esempio e loro non presentano patologie anche se vivono nel nostro stesso ambiente che sicuramente aiuta a far conclamare la patologia inserita mediante vaccini. Lo scopo di questa procedura non è evoluzionismo ma involuzione dell'uomo. Insomma vogliono far regredire la maggioranza degli uomini ad uno stato dove abbia perso la capacità intellettettiva. Facendo questo si assicurano bestie da lavoro che non siano in grado di ribellarsi. Avete presente il bue legato che faceva girare la ruota o che traina l'aratro? Questo deve diventare colui che non è venuto alla luce nelle famigli del gruppo di potere. In ufologia ci presentano gli "ebe", ossia piccoli omini che per vivere sono collegati al sistema e non hanno alcuna capacità personale, oppure i Cyborg uomini potenziati tecnologicamente che sono in grado di uccidere senza provare alcuna emozione e infine i grigi ossia sempre uomo comune (vedrei bene in questa categoria i medici gli scienziati e tutti coloro che operano nella sanità) addetto alla ricerca ma che ubbidisce al potere dei superiori. fate sempre i raffronti perché in realtà la vita è fotone e stadio di coscienza e questo mondo esiste già ma solo non viene ancora percepito dalla maggioranza e sarà la comprensione di ciascuno a entrare o meno in questa realtà che già esiste perché presente, passato e futuro in realtà non esistono perché il tempo non esiste tutto è già in atto. I rettiliani non sono altro che questo gruppo di potere che in mondi esistenti e coincidenti al nostro sono l'evoluzione di un sauro mammifero a sangue caldo esiste in quella dimensione. Le famose colonne di Ercole sono dentro a noi stessi e il mare a cui fanno da guardia è la nostra energia fotonica che + stata fatta conoscere allo stupido uomo comune che è considerato solo forza lavorativa, con il nome di gregge. l'altro potere invece che si scontra con la specie evoluta dei sauri sono quelli che nell'ufologia vengono visti come esseri di luce. Entrambe le due specie considerano l'uomo solo come strumento per la loro esistenza. Per poter progredire in libertà l'uomo deve quindi distaccarsi da tutto ciò che culturalmente, eticamente moralmente gli è stato innestato e ritrovare se stesso. Lui è presente, per il momento, ma deve compiere un grande sforzo perché deve riconnettersi con il suo centro che è il suo DNA. Dentro troverà tutte le vere in-formazioni, o ricordi come preferite chiamarli, e ritrovando tuto può compiere il salto che scientificamente viene detto quantico ma che io preferisco chiamarlo energetico. Compiendo questo lui torna ad essere padrone di se e poiché nella sua energia fotonica ha registrato questa esperienza che rimarrà indelebile, ovviamente avrà conquistato la sua libertà. Ovviamente potrà tornare all'esperienza di energia scalare che conduce come spiega bene Vittorio Marchi nel suo scritto

"La morte è il più clamoroso equivoco della storia umana.

𝗟𝗔 𝗠𝗢𝗥𝗧𝗘 𝗘̀ 𝗜𝗟 𝗣𝗜𝗨̀ 𝗖𝗟𝗔𝗠𝗢𝗥𝗢𝗦𝗢 𝗘𝗤𝗨𝗜𝗩𝗢𝗖𝗢 𝗗𝗘𝗟𝗟𝗔 𝗦𝗧𝗢𝗥𝗜𝗔 𝗨𝗠𝗔𝗡𝗔 (𝗣𝗿𝗼𝗳. 𝗩𝗶𝘁𝘁𝗼𝗿𝗶𝗼 𝗠𝗮𝗿𝗰𝗵𝗶)

La morte è il più clamoroso equivoco della storia umana.
Dai più eminenti uomini di scienza dell’ultimo secolo scopriamo che l’Universo è tutto Pensiero e che la Realtà esiste solo in ciò che pensiamo.
L’energia è quella manifestazione che fa accadere le cose e gli eventi. Essendo di carattere vibrazionale essa si manifesta in una incommensurabile vastità di forme e di aspetti. Dietro tutte queste apparenze si cela una realtà legata a un campo di frequenze comprese in bande, ciascuna delle quali ha uno sbocco nel panorama delle cose materiali che noi vediamo.
Sofisticate tecnologie dimostrano che l’uomo non muore, quando sembra separarsi dalla sua carica energetica che lo vivifica, perché ciò che si stacca dal soma migra e fluisce verso altre locazioni.
Il nostro apparato sensoriale è limitato e quindi inadeguato a permetterci di percepire la realtà al suo livello più profondo.
Occorre comprendere che l’anima che sta per trapassare non è il corpo, bensì la vita stessa e che la sua natura non è materica ma spirituale e che al contrario del suo corpo psico-fisico non conosce mutamento, né decadimento.
Inconsciamente non possiamo sopportare di morire in quanto sappiamo che non è possibile farlo. Quando l’Io ben centrato ne ha la suddetta visione, allora siamo fuori dal paradigma spazio-temporale.
Il tutto dipende dalla qualità del nostro livello di coscienza.
Se non modifichiamo il nostro atteggiamento mentale, se non cambiamo lo stato della nostra visione del mondo, non potremo scegliere il mondo successivo, ma ci troveremo a ripetere ciò che siamo qui con le stesse difficoltà e le stesse limitazioni.
Il paradiso infine, non è un luogo, ma è una dimensione della coscienza.
Il tempo non esiste.
Quando il tempo incomincia a scorrere? L’etimologia della parola ha una derivazione di origine indo-europea che significa dividere.
Quando nasce il tempo nasce anche il concetto di morte.
Anche il Big Bang non è mai avvenuto
Si è scoperto di recente un “Campo Informazionale” che permea tutto.
È infinito. Non ha inizio e non ha fine. Noi vediamo attraverso i nostri occhi tutte le cose divise, frantumate, separate e invece tutto è Uno. Il viaggio dell’evoluzione è dall’inconscio al conscio.
Quando mi chiedono cosa c’era prima del tempo e della morte rispondo che tutto ciò che esiste è AMORE.
Questa parola non è legata a sentimento, affetto o passione, come lo conosciamo oggi, ma significa A-MORS non morte.
Tutto vive, dall’atomo alla più grande galassia.
Abbiamo verificato che anche le piante e i minerali vivono, su piani diversi. Tutto è costituito da una sola sostanza, con manifestazioni diverse. Questa sostanza è fisicamente e psichicamente pensante.
Ilya Prygogine, che è stato il più grande chimico vivente (premio Nobel nel 1977), nel corso delle sue ricerche chimiche della materia organica, si è accorto che ogni molecola viveva e sapeva perfettamente quello che faceva ogni altra molecola a distanze macroscopiche.
Anche nell’esperimento che fece Pauli (fisico) le particelle separate (fotoni) che si trovavano nello stesso livello energetico o stato quantico, pur lanciate a distanze differenti, rimanevano sempre collegate.
Tutto è interconnesso e non-locale (entanglement).
Le informazioni sono istantanee, perché abbiamo scoperto che le particelle come possono essere ad esempio gli stessi elettroni/processo o evento, non sono masserelle solide ed inerti, ma nuclei del tutto inconsistenti che rivelano di essere “un bit concentrato di informazione”, andando così a costituire un campo informazionale.
L’unica cosa solida allora di cui si può parlare di questa materia, che sembrava fatta di “mattoni atomici”, è invece che assomiglia più ad un PENSIERO.
Le onde e le particelle (“ondicelle”) in realtà sono le solite. Esse si trovano sia qui che ovunque, Ciò perchè esse, oltre ad essere se stesse , sono anche lo spazio che intercorre tra loro.
E quindi non hanno neppure alcun bisogno di comunicare tra loro, perchè sono la stessa cosa dello “spazio”.
Ed in più esse non hanno nessuna ragione per doversi connettere, perchè non sono mai state disconnesse o disgiunte.
In sintesi, sono un ologramma, un “Tutto-parte”, una versione su scala più ridotta del Cosmo, dell’ Intero Corpo organico universale. Una goccia concentrata e indissolubile dell’infinito oceano energetico, detto Coscienza non locale.
La Coscienza dunque non sta nel cervello ma nel Campo.
Sia la fisica che la neurofisiologia che la quantistica concordano su questo punto.
Non è il cervello che produce il pensiero, ma è il PENSIERO o COSCIENZA che edifica il cervello.
Max Planck, padre della teoria dei quanti, scioccò il mondo nel 1944 quando affermò che esiste un’unica matrice energetica “intelligente” da cui ha origine tutto, il visibile dall’invisibile.
Con questa implicazione sconcertante il mondo scopriva per la prima volta che Tutto è coscienza.
Abbiamo oggi gli strumenti che possono vedere che intorno a noi esiste un globo luminoso. Un nostro prolungamento (un duplicato immateriale). È stato definito un campo di ultra-luce.
Noi non lo vediamo con gli occhi e anche con gli strumenti possiamo vedere fino ad un certo punto.
Questo campo è milioni di volte più sottile della più sottile materia. Ha una frequenza vibrazionale di 10 alla 26 Hz.
Esso è più sensibile e impressionabile della più sensibile ed impressionabile pellicola fotografica.
Anche la PNEI (psiconeuroendocrinoimmunologia) ha riconosciuto che gli antichi avevano ragione.
Noi siamo un fascio di vibrazioni di cui l’aspetto fisico, la forma fisica è solo il nucleo più denso.
La luce che vedono le persone che hanno esperienze di premorte (NDE), siamo noi stessi, ciò di cui siamo costituiti.
Un fenomeno straordinario, che merita di essere chiamato con il nome di AUTOPSIA (composto da “autos”, stesso e “opsis”, vista), cioè “VISTA DI SE STESSO”.
E l’Autopsicità (quale può essere quella dell’ esperienza totale del Divino) è una situazione che implica la visione istantanea e diretta di una “partitura” in cui figurano tutti gli aspetti del Libro della Vita, cioè di una composizione universale, disposta in più mondi.
Qualcuno ha detto: “Chiarisci il tuo senso e illuminerai il mondo”. Se vuoi sapere come fare, fai come fece il maestro Zen Poshang. Quando gli fu chiesto come si cerca la natura del Buddha (Dio), Egli rispose: “È come cavalcare il Bue, in cerca del Bue”.
(Prof. Vittorio Marchi)
Nessuna descrizione della foto disponibile.


Questa dichiarazione è ciò che da anni sto provando a dire a chi mi parla ed è spiegato anche nel mio libro
che offro chiedendo un piccolo riconoscimento molto volentieri insieme al secondo volume dove descrivo aspetti storici, (contattarmi sul mio profilo facebook, o telegram o wathsapp e via mail)

The Trip un viaggio alla scoperta del Se






The Trip Un viaggio nella storia







in stesura il terzo volume "The trip il viaggio dei senza Se"







ma...niente parlare di questa mia certezza mi ha solo procurato isolamento e anche qualche sofferenza. Ovviamente ho superato e non ho mai, e mai lo farò, cambiato certezza perché è così:


Ci stiamo incamminando nel mondo cibernetico dal quale uscire sarà complicato in quanto i pensieri saranno tutti omologati e costruiti dal computer a cui l'uomo sarà connesso.
I mondi virtuali del 2060, nei quali innumerevoli esseri umani sacrificheranno le forze della loro anima, non saranno costituiti da un insieme di multi scenari inventati da programmatori di software, come accade ora per i video-giochi. Verranno programmati in tempo reale dai super computer, che adegueranno, in tempo reale, le scene e le trame di gioco secondo i pensieri e le risposte emozionali del giocatore. Ogni giocatore vivrà nel proprio mondo. Sarà la divisione ultima dell’umanità.
Gabry Gavin al seguente link spiega magistralmente la situazione in cui siamo immersi:


DEMOCIDIO CONTROLLATO

C'è un tema scottante di cui voglio parlarvi proprio in questo momento cruciale della storia dell'uomo. Con il termine "uomo" non intendo Essere Umano. L'Essere Umano rispetto alla specie ordinaria dei propri simili, contiene anima con tutte le caratteristiche chimiche, fisiche e biologiche connesse all'essere incarnato. Non mi rivolgo a chi legge e presume, col nulla di cui è convinto con o senza titolo, con o senza cattedra, Nobel e altri meriti conferiti da un gruppo di filantropi per dirottare la fiducia delle masse..di relegare a mera opinione personale quanto sta per leggere. Forse l'unico mio merito è avere il fegato di proporre un tema, la reincarnazione o metempsicosi, considerata disonestamente di carattere "mistico" anziché "Fisico". Un processo riconosciuto e accettato dai più alti livelli della massoneria, negli ambienti più autorevoli del mondo scientifico e filosofico ma non fra il gregge che si riunisce in chiesa o in qualsiasi costruzione simile che si accosti a essa idealizzando entità figurate o iconografate a scopo divinatorio e di culto. L'icona di ciò che l'uomo ordinario chiama dio, ha una sostanza chimico fisica emanata da diverse classi o regni di esistenza connessi fra loro. Un'intricata matassa planetaria fatta di fluidi o plasma su ordini di grandezza di scala atomica. Coloro che non percepiscono questi microstati di natura sottile o quantistica sono uomini ordinari, i quali non "ebbri" di questi "quanti di energia" (ATP adenositrifosfato), rifiutano la scienza di d'Io con ogni sorta di imbecillità venerando miti di ispirazione fantastica. Il complesso preambolo oltre che di fondamentale interesse, mi è d’aiuto per introdurre il tema dell'eugenetica e del transumanesimo che in maniera massiva stanno applicando con terapia genica venduta agli uomini ordinari come vaccino. Fin dal 1994 in biochimica è stata riconosciuta la trascrittasi inversa, ovvero la cosiddetta retro-trascrizione trasformante l'RNA virale in DNA. In termini più semplici, il retrovirus è un programma d'ingegneria molecolare che si inserisce nel DNA originale e rimane li per tutta la vita con effetto iatrogeno sulle generazioni a venire. Queste sono le malattie ereditarie di cui vi parla il vostro medico quando vi pone domande retoriche per non dire anti scientifiche, a cui risponderete che.. a rigor di logica e per la legge sulla privacy la domanda non'è pertinente nè utile allo storyboard clinico di causa effetto. Il problema "quantistico" della metempsicosi invece si fa preponderante nel caso in cui una riprogettazione genetica attuata su scala planetaria trasmuti il modello di "umanità". La soluzione potrebbe essere la legge di conservazione dell'energia o primo principio della termodinamica, l'energia non si crea né si distrugge ma si trasforma postulava Lavoisier, passando da una forma a un'altra. Volendo tradurre il significato dei pilastri su cui si basa tutta la scienza di dio, il vaccino non sortirà gli effetti sperati dal caposcuola Bill e tutta la cricca gesuita, farà solo un sacco di morti e di invalidi in vita. Ecco perchè la chiesa ha tradito quel dio precedentemente inventato con un nuovo fondamentalismo religioso incaricando quel delinquente di padre Paolo Benanti a occuparsi di "etica dell'evoluzione umana" per i proletari, di scienza dell'immortalità per l'élite.
Per comprendere bene a quale realtà oggi ci stiamo per inoltrare se vengono accetti i paradigmi che gli zelanti giornalisti ben oliati ed addestrati dal gruppo al comando, il cartello petrolchimico-alta finanza e farmaceutico ascheNAZI(S)TA, transumanista consiglio di vedere il seguente video

Il relatore Attisani è un transumanista .

In una conferenza tenutasi al Senato ha dichiarato quanto segue:

transumanista, Marco Antonio Attisani intende attraverso la tecnologia e la trascendenza umana, cambiare il mondo ‘per il meglio di tutti i suoi abitanti’.

Le 4 forze che ci ‘evolvono’ verso la Singolarità secondo lui sono

Genetica

Robotica

Nanotecnologia

 Intelligenza Artificiale

Attisani sottoliena un aspetto ‘interessante’ la genetica: Le forze che spingeranno questa disciplina promuoveranno sicuramente l’eugenetica, la ricerca di una razza raffinata, superiore secondo i parametri e i valori che in quel periodo storico riterremmo legittimi. Più belli, più sani, più forti più longevi diventeremmo OGM, organismi geneticamente modificati.


Può sembrare fantascienza, ma è già in moto il progetto 2045, nel quale si sta investendo moltissimo denaro e che tocca l’aspetto dell’immortalità cibernetica e di come se il nostro essere materia intangibile, la nostra identità, potrebbe trasferirsi a un ologramma, un cyborg o a un robot, al fine di raggiungere l’immortalità….

https://www.nogeoingegneria.com/motivazioni/sociale/sbarca-il-transumanesimo-a-montecitorio/

Perciò siate consapevoli che ogni sforzo della sanità non è per guarire una persona ma per portare all'estremo e usare ogni "malato" come cavia.

Commenti

Post popolari in questo blog

COSA SI NASCONDE NELLA TESSERA SANITARIA?

In questi giorni  a casa stanno arrivando per posta le nuove tessere sanitarie con il microchip incorporato e la lettera di accompagnamento lo dichiara. Però non viene fatta alcuna menzione esplicativa dei codici che sono riportati sulle tessere di ogni italiano. Vi siete mai chiesti cosa c'è nella banda magnetica nera e a cosa servono i numeri presenti sulla nostra tessera? Analizziamo la tessera: Sul fronte sono riportati regolarmente i dati del possessore, nome cognome, luogo e data di nascita tutto ovviamente scritto in maiuscolo  in quanto ricordo che questo modo di scrittura del nome e del cognome si rifà al diritto romano e precisamente alla deminutio capitis . Nell'antico diritto romano la deminutio capitis comportava uno status (in latino il termine status significa posizione di un soggetto in relazione ad un determinato contesto sociale gerarchia o ruolo quindi uno stato sociale) della persona. I giuristi del tempo distinguevano tre tipi di capitis maxim

L'INGANNO NELLA CARTA D'IDENTITÀ

IL NOME E LA FRODE Analizzando la parola Nome , capiamo subito cosa rappresenta: " NO ", " ME ". La negazione di noi stessi.(Il Non Io). Il NOME e' l'unico arpiglio che il sistema ha per ridurre a mera merce gli esseri viventi e guadagnarne la giurisdizione in modo del tutto arbitrario senza consenso e violando il libero arbitrio altrui. Anche gli "Alias, conosciuto come" , Titoli ed altro, sono meri tentativi di "appiccicare" un NOME LEGALE ad un essere vivente, sotto falsa assunzione e presunzione di giurisdizione e potere. A livello giuridico, il NOME LEGALE e' un Trust: un negozio giuridico. una serie di "normative" atte a regolamentare un determinato comportamento: un vero contratto. TRUST: Un Insieme di persone Unite da Interesse Comune: Il Trust e' composto da 3 figure: 01) Disponente , Colui che dispone il bene, e lo mette a disposizione. 02) Amministratore : Colui che amministra il bene 03) B

IL CONCETTO DI ANIMA IN TRE FILOSOFI (SOCRATE, PLATONE, ARISTOTELE)

i filosofi, prima di Socrate erano soliti occuparsi del mondo o della natura e l'anima possedeva maggior connotati mitologici: In Omero è un soffio che abbandona il corpo con la morte, aveva la consistenza dell'ombra che è capace di sopravvivere nell'Ade senza, però, svolgere alcuna attività. E' con Socrate prima e Platone, poi, che l'anima è psyche cioè il mondo interiore dell'uomo. Socrate affermava che compito dell'uomo è affermare la sua anima, senza però parlare di immortalità, come emerge in Platone.  Il professor Reale Giovanni in "Storia della filosofia antica" afferma che ancora oggi, dopo duemila anni, si pensa che l'essenza dell'uomo sia ancora la psyche e che il concetto di anima sia un'invenzione cristiana. Ciò è sbagliato il concetto di anima e di immortalità è contraria alla dottrina cristiana, essa, infatti, parla di risurrezione dei corpi. I pensatori della Patristica, attinsero alla filosofia greca. La